Search here...
TOP
Frammenti Di Diario Suggerimenti A 4 Zampe

Sole mare e… venditori ambulanti.

Ciao a tutti, come procedono le vacanze? Siete già partiti o siete di ritorno? Io sono ancora al mare che amo follemente.
Mi piacciono tantissimo l’odore della salsedine, la sabbia, il rumore delle onde che corrono ad abbracciare la sabbia per poi tornare indietro …


Ma non voglio parlarvi di questo bensì di tutte quelle persone che girano per la spiaggia che vendono bigiotteria, asciugamani,occhiali da sole,cappelli e tant’altro in poche parole dei venditori ambulanti.
Chi sono? Da dove vengono?E perché continuano ad aggirarsi tra i bagnanti sulle spiagge delle varie regioni (dirimpettai delle costiere, delle scogliere e degli stabilimenti balneari! cosa intendi?!)
Senza di loro non sembra di stare al mare, o meglio non è la stessa cosa, soprattutto quando non c’è nessuno a rimettere in circolo il braccialetto colorato ( i classici braccialetti portafortuna) oppure se non ci sono i massaggiatori sulla spiaggia o chi fa i tatuaggi ( gli ambulanti vendono di tutto, dal corredo ai teli mare , ma se chi di competenza coglie in flagranza chi acquista o chi vende può punire i soggetti con multe salate).
Il punto è che, mentre noi parliamo e ci raccontiamo in spiaggia, esiste chi deve fare a botte con il destino amaro, tanto che una delle soluzioni è vendere la merce in spiaggia.

Io penso che se uno non vuole comprare non compra però non bisogna maltrattati o prenderli in giro perché non sappiamo nulla la loro vita: mi vengono in mente ad esempio quelle donne o uomini che mettono in testa o si caricano sulle braccia o sulla schiena la merce per vendere a 4 soldi braccialetti ecc. A me fanno tanta tenerezza e voi direte “Hanno solo da andare a trovarsi un lavoro onesto”
Ok può essere anche vero ma credetemi che molte volte non è facile che trovino un lavoro sia magari perché non hanno l’esperienza oppure l’hanno ma il problema é la loro nazionalità,oppure l’età non è facile.

Tralasciando questo, io penso che se uno compra da loro deve rispettarli perché sono persone umane non dimentichiamolo mai. Potete essere anche razzisti e non volerli ma basta rispondere “No grazie” e lasciarli continuare la loro corsa che non fa del male a nessuno..

Girando un po’ per i vari siti ho trovato queste mini risposte di persone che dicono cosa ne pensano:
“Per me la tortura non sono loro. Sono gli ambulanti che occupano strade e sporcano tutto, soprattutto italiani-dice Walter- e sulle spiagge sono educatissimi ed eleganti”. Domenico , David, Enrico parlano di un fenomeno di sfruttamento di vasta entità, e si augurano che la vendita irregolare di merce sia regolarizzata e resa tracciabile, al fine di evitare la diffusione di merce contraffatta.

Comprendere il fenomeno è la via secondo Francesco «considerato che è un fenomeno da osservare da vicino». Anche Angela si esprime con termini solidali nei confronti degli ambulanti: “Penso che non danno fastidio a nessuno, e se dessero a tutti la possibilità per lavorare sarebbe diverso. Andrebbe regolarizzato forse”, dello stesso parere è Vincenza che afferma: “ Non danno fastidio a nessuno, voglio vedere se gli italiani facessero ciò”, mentre Eugenio racconta come la questione degli ambulanti sia vecchia e che non costituiscono un problema per lui; difatti dietro questi venditori ambulanti ci sono vite e anche racconti che, come un fiume diventano un corso d’acqua in piena, sebbene il ruolo del destinatario finale cessa di esistere. Dopo le polemiche sugli sbarchi dei migranti, ci ritroviamo immersi in un clima di paura e di diffidenza verso l’altro che arriva, che si incammina verso di noi, anziché comprendere, riflettere e trovare una soluzione per arginare l’abusivismo, perciò il monito è quello di creare una relazione tra il lavoro tracciabile e le fonti di guadagno che ne derivano, come sostengono molti bagnanti.

Il commercio andrebbe regolarizzato, bisognerebbe comprendere sempre di più l’entità del fenomeno, le sue origini e la sua diffusione.

Questo è ciò che penso io infatti tutte le estati compro qualcosa per aiutarli a guadagnarsi da vivere. E voi cosa ne pensate a riguardo? Siete contro questo fenomeno o anche voi li rispettate e rispondete con un semplice “No grazie”? Fatemi sapere la vostra opinione sono molto curiosa
Buone vacanze a tutti.

«

»

22 COMMENTS

  • Michela

    Io amo i venditori ambulanti nella spiaggia spesso acquisto parei o collanine è anche vero che spesso sono un po’ fastidiosi ma se non ci fossero che vacanze sarebbero

    • Fede9020
      AUTHOR

      beh si è vero molte volte sono pesanti ma basta un semplice no grazie e loro continuano la loro strada!

  • Sheila

    Ti racconto cosa mi è successo. Ero in spiaggia da sola a prender il sole. Mio marito era in acqua a nuotare. Arriva un vu cumpra dico gentilmente no grazie. Il tizio si piazza davanti a me oscurandomi dal sole. Ripeto NO Grazie non ho soldi. Il tizio comincia a parlarmi male e insultarmi. Io mi alzo mi guardo intorno e ci sono due giovani a qualche metro da me che fanno i fatti loro. Minaccio il tizio di chiamare la guardia costiera e diventa ancora più rabbioso. Chiedo aiuto ai tizi dietro di me che mi sta continuando a molestare … Mi hanno dato della razzista di merda ! Che poverino era una vittima. Da quel giorno ancora oggi non frequento più le spiaggie. Sono ancora oggi delusa e schifata e mi spiace io razzista non lo son mai stata ma quella ferita mi rimane ancora bella aperta nel cuore.

    • Maria Cristina

      Si deve avere rispetto e quando si dice no bisogna accettare . Gran bell’articolo

    • Fede9020
      AUTHOR

      io non ti dò della razzista e mi dispiace per cosa ti è successo…hai la mia comprensione

  • Dici qualcosa di vero, in tanti si autorizzano a parlar loro come fanno solo i leoni da tastiera su internet. Sono persone e andrebbero rispettate come le altre.

  • Hai ragione che bisogna avere rispetto e basta dire di no, ma a volte anche loro devono saperlo accettare quel no

    • Fede9020
      AUTHOR

      si è vero molti non lo accettano e bisogna ripeterlo più volte

  • Maria Cristina

    Si deve avere rispetto e quando si dice no bisogna accettare

  • Massimo

    Questo è un argomento un po’ delicato, perche oggi giorno commentare e palesare le proprie idee, in questi contesti, diventi subito razzista. Allora parlo di me. Io per crearmi un lavoro che non potevo fare, devo farmi 600 ore di corso per prendermi una qualifica, tutto a spese mie. Mi sto facendo un mazzo, perche a 47 anni mi devo ricreare da zero. Corsi su corsi. Per poi cominciare a lavorare nel 2020 e cominciare a pagare 3600 € di inps all’anno, 1000 di commercialista e tanto altro, pero sono in regola. Regolarizzare un lavoro del genere? Che faccia quello che fanno tutti, si mette in regola e anche lui si prenderà 250 € di pensione come hanno detto pochi giorni fa al tg. Buona sera.

    • Fede9020
      AUTHOR

      io non giudico, purtroppo ciò che dici molte volte è verità…

  • Sara

    Io ho sempre rifiutato con un “no grazie” con educazione ma ho trovato anche persone insistenti e maleducate. Purtroppo immagino la loro situazione e quindi il loro nervosismo ma l’educazione dovrebbe essere reciproca

    • Fede9020
      AUTHOR

      l’educazione è ala base se molti non la hanno non è colpa loro non gli è stata insegnata…

  • Francesca

    E’ un argomento molto delicato .. non c’è ad esempio solo questa situazione. A Roma abbiamo chi ti vuole lavare per forza i vetri della macchina o vendere le rose oi fazzoletti. Sono persone ovvio ma anche per loro è inaccettabile vivere in una situazione del genere. Non è con il buonismo che si risolvono i probemi ..

    • Fede9020
      AUTHOR

      vero non è con il buonismo che risolviamo sono d’accordo, ma certe volte a meno io personalmente non riesco ad essere arrogante o antipatica con chi sta peggio di me

  • Valentina

    Io non compro nulla da loro. Non mi danno fastidio e li rispetto, però non acquisto merce che non uso. Non amo comprare articoli taroccati e non metto braccialettini o altri oggetti che vendono. In più alcuni sono insistenti e maleducati.

  • manuela

    Io non capisco chi li tratta male,non interessa?basta dire no grazie non c’è bisogno di essere maleducato…a volte ho pena per loro e offro un gelato o una brioche..

    • Fede9020
      AUTHOR

      ecco hai captato il mio articolo in pieno

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

FOLLOW @fede_9020

  • s s        s
  •       s
  • 26 s 2019 s
  • 7 ss      s
  •  s   s
  •  ss   ss
  •          s
  •      ss   s s
  •     s  s  s s
  •  s        ss
Powered by JR Web Studio